UIL Scuola RUA: “No all’Assessorato unico con Scuola e Sociale”

“Corriere dell’Alto Adige” del 20 maggio 2023

“La scuola ha una funzione sociale ma non è un servizio sociale”. Gli spifferi in uscita dalla sede Svp di via Brennero riportano l’idea di unire scuola e sociale in un unico assessorato durante la prossima legislatura. Waltraud #Deeg sarebbe la nominata in pectore (in attesa, chiaramente, dell’esito delle urne). Una prospettiva che non può trovare concorde la Uil Scuola che prende posizione in modo netto con il suo segretario regionale Marco #Pugliese. “Finalmente torna la logica di molte delle scelte discutibili compiute negli ultimi mesi dall’amministrazione provinciale. Questa proposta non solo è sbagliata ma è proprio pericolosa”. Il motivo è presto spiegato. “Unire il settore sociale con quello della scuola non è accettabile ma ora capiamo la proposta di allungare l’orario dei docenti. Se la visione politica è questa allora risulta evidente come l’istruzione venga considerata alla stregua dell’intrattenimento”.

Il tutto in un quadro complessivo della scuola altoatesina che non è esattamente raggiante. “Dati in mano stiamo vedendo un progressivo calo delle competenze nei test sottoposti agli studenti. Una perdita di competitività che si innesta su una struttura fatta di progetti linguistici sbilanciati e non funzionanti. Dovrebbero essere tarati in modo molto più professionale e andrebbero realizzati trasversalmente sia nella scuola italiana sia in quella tedesca. Averli solo da una parte squilibra il sistema e infatti siamo pieni di questi problemi come testimonia la cronaca degli ultimi mesi”. Nemmeno il raffronto con il resto d’Italia è incoraggiante. “Stiamo lavorando ad uno studio puntuale ma secondo un generico sondaggio compiuto nelle assemblee la scuola primaria – continua Pugliese – ha una media di 3,5 ore settimanali di matematica e 4 ore di italiano effettive (contro le 5 di matematica e 6 di italiano tabellari). Davvero troppo poco per spiegare con qualità. Se il problema del futuro è accorparsi con il sociale e non preoccuparsi di questo decadimento non possiamo che dirci allarmati. Ci auguriamo che, almeno su questo, ci sia un’unità sindacale ferrea. Tutti i docenti devono avere a cuore il loro ruolo di educatori senza confonderli con altre figure. Ugualmente importanti ma diverse”

(fonte: vedi articolo pagina Facebook)

Vedi anche

UIL Scuola RUA: “Scuola modulare? Non un modello”

“Alto Adige” del 05/07/2024 “SCUOLA MODULARE STILE USA? NON È NELLA NOSTRA CULTURA…” “La scuola …