Home / News / Scuola, via libera al Bonus IT

Scuola, via libera al Bonus IT

Via libera della Giunta all’incentivo per il personale scolastico. Domande fino al 16 novembre.

In Alto Adige sarà previsto un rimborso per le spese informatiche del personale delle scuole e degli asili. Lo ha deciso ieri (2 novembre) la Giunta provinciale, su proposta dei tre assessori alla scuola Giuliano Vettorato, Philipp Achammer e Daniel Alfreider. Il contributo, fino ad un massimo di 520 euro, mira a mettere il personale scolastico in grado di far fronte alle esigenze della digitalizzazione della scuola in generale e della didattica a distanza in particolare. Il cosiddetto Bonus IT è concesso a tutte quelle persone che sono state in servizio, cioè hanno svolto un lavoro educativo, per almeno tre mesi, nel periodo compreso tra il 5 marzo 2020 e il 15 novembre 2021. L’incentivo spetta inoltre al personale cessato dal servizio.

Un riconoscimento per il lavoro dei docenti

“Il bonus informatico rappresenta un riconoscimento ampiamente meritato per il personale degli asili e delle scuole altoatesine, capace in tempo di pandemia di reagire celermente alle problematiche legate alla didattica a distanza – sottolineano gli assessori alla scuola Giuliano Vettorato, Philipp Achammer e Daniel Alfreider. Molti docenti, infatti, hanno fatto uso dei propri dispositivi personali, continuando a svolgere con professionalità e passione il proprio lavoro”.

I destinatari del bonus

Complessivamente la Giunta ha stanziato un fondo complessivo di 6 milioni di euro per il rimborso. I destinatari del Bonus IT sono il personale delle scuole dell’infanzia provinciali, il personale docente ed educativo delle scuole primarie e secondarie, il personale docente delle scuole professionali provinciali, della formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica, delle scuole di musica, oltre alle collaboratrici e ai collaboratori all’integrazione e le educatrici e gli educatori sociali delle scuole, in servizio per almeno tre mesi a decorrere dal 5 marzo 2020. Le domande di rimborso dei costi per gli hardware e i software devono essere presentate agli uffici competenti insieme a tutti i documenti, entro e non oltre il 16 novembre. Ogni domanda verrà valutata e una volta approvata, gli importi dei rimborsi verranno erogati in un’unica rata nella busta paga del richiedente. Solo i costi effettivamente sostenuti e documentati verranno rimborsati.

N.B. Non appena in possesso di ulteriori dettagli, verrà pubblicato un ulteriore articolo.

Vedi anche

Verpflichtender Vaterschaftsurlaub – Ergänzung zum Rundschreiben der Bildungsverwaltung Nr. 31 vom 14.09.2022

Mitteilung